Mai così poco ghiaccio al Polo Nord

Se qualcuno ha ancora dei dubbi sui mutamenti climatici in corso, guardi qui e constati come ne abiamo perso un altro pezzo. Ieri, venerdì, i ghiacci artici hanno toccato l’estensione minima dal 1970, l’anno in cui sono iniziate le misurazioni via satellite. La notizia ufficiale, che era stata anticipata nei giorni scorsi dall’Università dell’Illinois, viene dal National snow and ice data center degli Stati Uniti. Nella cartina a sinistra la situazione attuale, e a destra il precedente record negativo del 21 settembre 2005. La linea rosa mostra l’estensione media dei ghiacci, rispettivamente in agosto e in settembre. Appunto: settembre. L’Artico continuerà a sciogliersi per un altro mese abbondante e il precedente record negativo, salvo miracoli, finirà polverizzato.

Condividi!

    Articoli correlati

      7 thoughts on “Mai così poco ghiaccio al Polo Nord

      1. Romeo

        Grazie per aver “sciolto” alcuni dubbiosi.

        Certo che la crudità delle immagini non lascia scampo a pensieri non propriamente positivi. Vediamo che ne penseranno gli scinziati al soldo di Bush … chissà, forse vorranno bruciare qualche foresta per compensare.

        Speriamo bene; saluti radiosi

      2. alessandro

        Non ci sono parole….perchè i primi a trovarla dovrebbero essere”gli uomini che contano”,quelli che hanno il potere di fare la differenza per cambiare quest’esito negativo.
        ma la cosa piu’grave e’ per le foche che fino a stasera dicevano al tg1 che non sanno piu’come aggrapparsi visto che i ghicci sono ultra-assottigliati,tra l’altro come se non bastasse muoiono di freddo,fame,e per di piu’esistono quegli esseri mostruosi chiamati”bracconieri legalizzati”che le massacrano per il grasso di foche ed altri accessori dettati dal mercato.Siamo o no impazziti noi esseri umani?che Dio abbia pieta’ di noi…noi uomini che diamo troppo valore ai soldi e alla mondanita’invece delle meraviglie della natura.
        Avrei anche una soluzione per le foche.Ovvero:Costruire cosi come hanno fatto a Dubay delle piattaforme artificiali che con il freddo si ricoprono di ghiaccio,almeno le foche non muoiono annegate.Perche’nessuno ci ha pensato?Volere e potere,cosi come si spendono troppi soldi per le armi,che facciano qualcosa di buono per l’umanita’.

      3. Pingback: Petrolio, gas e rotte polari. L’Artico è una torta, e la Russia ne vuole i due terzi « GeoPoliticaMente

      4. Pingback: Artico, battuto un altro record di fusione. E il disgelo finirà solo a metà settembre | Informare per Resistere

      5. Pingback: Clima impazzito, al Circolo polare artico fa più caldo che in Sardegna e in Algeria | AcateringVeg

      6. Pingback: Clima impazzito, al Circolo polare artico fa più caldo che in Sardegna e in Algeria | Catena Umana

      7. Pingback: Clima impazzito, al Circolo polare artico fa più caldo che in Sardegna e in Algeria! | Dharma's blog

      Lascia un Commento

      Your email address will not be published. Required fields are marked *

      You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>